COMITATO PER L'UNITÀ DI CONTO EFA (ECONOMIA FACILITATA) Menu

Permalink:

CRITICA AL TASSO D’INTERESSE

Il principale responsabile della dicotomia fra capitalismo finanziario e economia reale si chiama tasso d’interesse!

Criticare il tasso d’interesse è la cosa che più fa rabbrividire un economista ortodosso!

Ma la critica viene da un economista eterodosso e da un giurista ormai scomparso:

MASSIMO AMATO (Bocconi)
IL TASSO D’INTERESSE COME IL PREZZO PER DETENERE LIQUIDITA’
Io pago un prezzo quando compro una merce!  Ma la LIQUIDITA’ è una merce? Se fosse una merce come tutte le merci si deteriorerebbe con il tempo, invece lei con il tempo mantiene il suo valore! Con il tempo permette l’accumulo e la fuoriuscita dalla circolazione monetaria. Diventa così la merce più domandata facendo lievitare il prezzo per accaparrarsene. Il prezzo o tasso d’interesse cresce in maniera molto maggiore rispetto alla redditività degli investimenti produttivi quindi spinge il risparmio (compreso quello delle Banche) verso di essa piuttosto che verso la produzione. La LIQUIDITA’ da mezzo di scambio diventa la finalità dello scambio.

GIACINTO AURITI (UNIVERSITA’ DI ROMA E TERAMO – SCOMPARSO NEL 2006)
IL PREZZO LO PAGO SE ACQUISTO QUALCOSA CHE APPARTIENE A QUALCUN ALTRO, NON LO PAGO SE QUELLA COSA MI APPARTIENE.
Vi siete mai chiesti di chi è la liquidità in circolazione! Nelle scorse settimane
è arrivata la risposta all’interrogazione presentata dall’Europarlamentare Marco Scurria sulla natura giuridica dell’Euro e la risposta è stata che non è di chi la emette, da nessuna parte sta scritto che è delle Banche centrali anzi è di chi la fa circolare. Qui entra in gioco l’opera di Auriti.
Egli diceva che le Banche centrali non potevano far pagare un interesse per prestare moneta agli stati in quanto il prestare è una qualità esclusiva del proprietario e loro non lo sono. Il paradosso è che la moneta è di chi la utilizza, essendo noi gli utilizzatori e i proprietari della moneta perchè paghiamo un tasso d’interesse (prezzo) per qualcosa che ci appartiene?

Il tasso d’interesse come si nota dall’opera di questi due grandi studiosi è il maggiore responsabile dell’indebitamento pubblico e privato ed è il fautore della crisi dell’economia reale.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
CRITICA AL TASSO D'INTERESSE , 10.0 out of 10 based on 1 rating
  • Thanks for leaving a comment, please keep it clean. HTML allowed is strong, code and a href.
ChatClick here to chat!+