COMITATO PER L'UNITÀ DI CONTO EFA (ECONOMIA FACILITATA) Menu

All items for ottobre, 2013

Permalink:

PICCOLA STORIA DELLA CRISI – IL RUOLO DELLE DISUGUAGLIANZE E DEI MERCATI FINANZIARI

COS’HA INONDATO DI LIQUIDITA’ IL MERCATO FINANZIARIO?

I paesi asiatici dopo la crisi del 1997-1998  (che provocò una forte fuoriuscita di capitali e quindi un effetto recessivo fortissimo), furono costretti ad accettare la tutela del Fondo Monetario Internazionale

Il FMI chiese loro in cambio una cura da cavallo con i “soliti piani di austerità” che anche noi conosciamo.

Per non subire mai più una tale umiliazione e una simile sofferenza sociale quell’episodio insegnò loro che non era un bene essere debitori mondiali, quindi decidesero di diventare creditori e accumulatori

di giacenze cosa che riusì loro facile grazie alle politiche protezionistiche del mercato interno e alla svalutazione dello yuan.

Questi paesi iniziarono ad accumulare un ammontare elevatissimo di riserve che affluirono sotto forma di investimenti esteri la dove la crescita sembrava più sicura: gli Stati Uniti.

I capitali raggiunsero gli USA e  furono investiti in titoli poco rischiosi: titoli di stato.

Questi arrivi di capitale modificarono le condizioni di funzionamento dell’economia americana, inondando il mercato di liquidità e provocando la discesa dei tassi d’interesse a lungo termine.

Le famiglie non ebbero difficoltà a prendere denaro a presito, mentre l’afflusso di capitali fiece lievitare wall street e i prezzi immobiliari. Il patrimonio delle famiglie accrebbe e il loro risparmio si attenuò.

LE ECCEDENZE DEI PAESI ASIATI E DEGLI ALTRI PAESI EMERGENTI CONTRIBUIRONO A MANTENERE L’ESUBERANZA DEI MERCATI FINANZIARI.

UNA LETTURA CRITICA POTREBBE SUGGERIRE CHE: LE ECONOMIE SONO LETTERALMENTE CONDANNATE A REALIZZARE SURPLUS CON L’ESTERO PER NON PASSARE SOTTO LE FORCHE

CAUDINE DEL FMI E DELLA TROIKA.

LA MODERAZIONE ECONOMICA DOPO GLI ANNI 70 E LA CRESCITA DELLE DISUGUAGLIANZE

Dopo la seconda guerra successero 30 anni di abbondanza economica, alla fine di questo trentennio la stagflazione (stagnazione e inflazione) segnò l’atto di morte del Keynesianismo perchè fu interpretato

come la prova della grande predizione di Freadman secondo cui le politiche della domanda non potevano che creare inflazione. Non si tentò allora di rsolvere il problema con nuove ricette, semplicemente

si ritornò al periodo prekenesiano interpretandolo in maniera estrema attraverso modelli ipersofisticati, l’alibi della nuova dottrina divenne: L’EFFICIENZA DEI MERCATI.

Durante questo periodo di grande moderazione tra gli anni 70 e 80 le politiche di quasi tutto il mondo trainati dalla Tatcher e da Regan operarono una vera e propria rivoluzione conservatrice (deregolamentazione

dei mercati, riduzione del ruolo degli stati, mondializzazione, concorrenza fiscale e sociale.

Tra questi due periodi sopra descritti esiste una sostanziale differenza: durante il primo la disuguaglianza di reddito scese,

durante la grande moderazione: LA DISUGUAGLIANZA DI REDDITO SALI’

Guardando gli USA nel periodo 1976-2007 l’1% più ricco si è accaparrato il 58% della crescita generale dei redditi, nel 2002-2007 il 65%, nel 2009-2010 il 93%.

La stessa cosa è avvenuta anche nei paesi europei.

LA CRESCITA DELLE DISUGUAGLIANZE COME UNA DELLE CAUSE DELLA CRISI ECONOMICA ATTUALE

Come è ormai noto la crisi economica attuale è partita nel paese in cui le disuguaglianze sono cresciute di più: gli USA.

CON LA CRISI DI DISUGUAGLIANZA DEI REDDITI COLORO CHE SPENDONO TUTTO O QUASI TUTTO IL LORO REDDITO HANNO MENO DA SPENDERE  E COLORO CHE GIA’

STENTANO A SPENDERE ANCHE UNA FRAZIONE DEL LORO REDDITO LO VEDRANNO ANCORA AUMENTARE RISPARMIANDO DI PIU’.

In particolare negli Stati Uniti l’1% della popolazione ha visto in questi ultimi anni aumentare il risparmio dal 10% al 23% e il 99% della popolazione ha ridotto la sua quota di risparmio dal 90% al 77%,

il che comporta un trasferimento dai secondi ai primi del 13%.

Per far fronte alla riduzione dei risparmi da parte dei secondi si sono attuate politiche monetarie espansiva che come si sa sono efficaci solo se portano ad un aumento dell’indebitamento privato.

Facilitando l’accesso al credito, la discesa dei tassi d’interesse spinge infatti le famiglie ad indebitarsi. Il tasso d’indebitamento delle famiglie passò dal 60% degli anni 80 al 120% del 2007

(rispetto al loro reddito).

Le famiglie degli americani s’indebitarono soprattutto per acquistare casa e questo diede vita alla crisi dei subprime.

Per quanto riguarda l’1% della popolazione che aveva aumentato il suo reddito, cercava occasioni d’impiego per il suo risparmio, in tal modo contribuì direttamente o attraverso la mediazione di un sistema

finanziario che promette mari e monti alla fromazione di bolle speculative (immobiliari e finanziarie).

LA COLPA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI.

Abbiamo quindi una parte del mondo che ha giacenze e vuole investirle, dall’altro abbiamo una parte del mondo che cerca finanziamenti perchè i suoi risparmi sono diminuiti.

Gli intermediari finanziari che dovrebbero assolvere al compito più complesso che ci sia, ovvero:

influenzare le decisioni di risparmio e investimento degli attori economici hanno rintracciato il risparmio

dei primi e hanno permesso ai secondi di utilizzarlo per attività finanziare spazzatura e per dar vita a bolle immobiliari (mutui subprime).

SE INVECE DI INVESTIRE IN TITOLI STRUTTURATI PERCHE’ ATTRATTO DA PROMESSE DI GUADAGNO INFINITO IL RISPARMIO FOSSE STATO CANALIZZATO A FINANZIARE LE PICCOLE E MEDIE

IMPRESE O LE ENERGIE ALTERNATIVE, SAREBBERO EMERSE NUOVE OPPORTUNITA’ DI CRESCITA ANZICHE’ LA DISSOLUZIONE DEI RISPARMI DI MOLTI.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
  • Thanks for leaving a comment, please keep it clean. HTML allowed is strong, code and a href.

Permalink:

La lira sta al sud Italia come l’euro sta al sud Europa.

Ho un dubbio: non credo che il ritorno alla valuta nazionale sia la risoluzione per tutti i mali italiani, soprattutto considerando la situazione meridionale.

Credo anzi che la lira sia stata per il mezzogiorno ciò che oggi l’euro sia per il sud europa ossia lo strumento che ha impedito la crescita di queste zone.

Se oggi il cambio fisso è penalizzante per il sud europa, per quale motivo dovrebbe essere favorevole al sud Italia?

Robert Mundel nel 1961 scriveva che per poter creare un’area valutaria ottimale (OCA) erano necessarie alcune caratteristiche essenziali: a) Un forte e strutturato interscambio commerciale, in termini di importazione ed esportazione di merci, beni e servizi; b) Una effettiva mobilità del lavoro tra i paesi che intendono unirsi monetariamente; c) Una mobilità del capitale tra i paesi; d) L’integrazione totale dei mercati finanziari; e) Un coordinamento tributario che preveda univocità di aliquote; f) Una cultura comune o comunque molto compenetrabile.
Queste caratteristiche nel momento in cui si è creata l’unione valutaria europea non erano presenti tanto da far pensare agli economisti del momento che i buoni propositi della politica “regalare un sogno europeo” non sarebbero stati sufficienti per poter rendere scientificamente ottimale l’area che si stava tentando di costruire. Oggi a 12 anni dalla sua costituzione si può dire che la politica che non aveva ascoltato la scienza economica ha commesso un grave errore e che a pagare per l’errore commesso putroppo non è la stessa politica ma piuttosto i cittadini sottoposti a forzate operazioni deflattivie (d’impoverimento) perchè non potendo più attuare azioni di svalutazione della moneta i governi sono obbligati ad operare attraverso svalutazioni endogene dal lato salariale per poter rimanere competitivi.

Ma l’Italia siamo sicuri che fosse un’area valutaria ottimale?

Anzitutto perchè l’area italiana non rispettava in primis il punto a
Infatti , se il nord ha una struttura produttiva dedita al commercio internazionale estesa a plurimi settori e di dimensioni rilevanti , così non è per il resto d’Italia , con specificazione per il sud . Questo crea problemi per la parte meridionale del paese , la quale avendo una struttura esportativa più settorialmente concentrata risponde peggio a variazioni della bilancia commerciale .
In secondo luogo perchè una unione monetaria tra sistemi economici diversi funzioni bisogna in via prioritaria che vi sia mobilità e flessibilità dei fattori produttivi .
Cosa vuol dire questo ? Semplicemente che ad esempio il fattore produttivo lavoro deve essere libero di muoversi liberamente all’interno del sistema e deve essere lasciato libero di variare il suo costo .
L’Italia rispetta la prima parte , ma manca totalmente nella seconda.
Nel 1969 vennero eliminate poi le gabbie salariali con le quali veniva assicurato un certo grado di flessibilità  del salario. Introdotte nei primi anni ’50 , hanno contribuito grazie anche alla fortissima mobilità del lavoro interna al portare il tasso di disoccupazione nei primi anni ’60 al sud Italia quasi alla sua scomparsa. Dopo la loro abolizione e l’introduzione del contratto unico nazionale invece il tasso di disoccupazione è ovviamente esploso .

Per il non rispetto di questi due punti l’Italia non è un’area valutaria ottimale ribadisco da una parte per la mancanza di flessibilità salariale interna dovuta all’imposizione legislativa politica e dall’altra per la disomogenea struttura produttiva dedita al commercio estero .

Probabilmente circuiti di monete locali ben fatte rispettano maggiormente i canoni della teoria economica. E’ più facile infatti in un terreno geografico meno ampio ritrovare caratteristiche economiche e sociali più omogenee e progettare finalmente un’area valutaria ottimale  fatta come si deve.

Cosa ne dite?

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
  • Gianfranco

    Quando una nazione ha territori con eccessive differenze di sviluppo economico, quasi sempre usa la leva fiscale per redistribuire le risorse ed avvantaggiare artificialmente le zone marginali o depresse.
    In Italia per ragioni storiche politiche e geografiche c’è stato quasi da subito questo squilibrio ed anche se sono stati fatti sforzi enormi per colmarlo non si è riuscito mai realmente a farlo, neanche nei momenti migliori.
    Anche in nazioni economicamente e culturalmente molto diverse da noi si sono avuti gli stessi problemi. Gli Stati Uniti per esempio hanno gli stati del sud che vivono in gran parte di sussidi e le calamità naturali periodicamente ce lo ricordano. La verità è che con la fiscalità non si riesce a risolvere questo tipo di problemi, le zone più povere o marginali con il passar del tempo impareranno a vivere di sussidi ed incentivi, mentre le parti più ricche, faranno fatica a sopportare che le loro risorse economiche frutto di sacrifici vadano ridistribuite fuori dai confini regionali.
    Io sono fermamente convinto che la dimensione monetaria debba essere al massimo inter regionale, una valuta nazionale e o continentale, che faccia da comune denominatore degli scambi, un mercato comune che dia la possibilità a tutti di competere.
    In un sistema che abbia queste minime caratteristiche ogni territorio avrebbe la possibilità di poter scegliere la propria politica economica facendo i conti con una moneta tarata sui propri fondamentali.
    Il paradosso è che, non è vero quello che solitamente si crede.
    Le regioni più povere sono le più penalizzate dal sistema attuale perché si trovano con un apparato produttivo non in linea con le regioni più ricche e oltre tutto hanno lo svantaggio di dover produrre e vendere con una moneta sopravalutata che rende i prodotti troppo cari per essere esportati.
    Di contro, le regioni più ricche, hanno un migliore apparato produttivo ed essendo loro legate ad economie relativamente deboli, mantengono un valore monetario basso tale da rendere le loro merci molto convenienti e facili da esportare.
    Vi invito a tener conto di queste riflessioni quando i media ci propongono le fortune o le sfortune dei popoli.

  • Thanks for leaving a comment, please keep it clean. HTML allowed is strong, code and a href.
ChatClick here to chat!+